richiesta visti L1 L2 come pagare

VISTI L1-L2: NIENTE APPUNTAMENTO SE NON PAGHI

Abbiamo deciso di andare a farci benedire a Lourdes.

Dopo aver spremuto i due neuroni che ci rimangono per compilare correttamente il famigerato modulo DS 160 (che non è altro che una supplica on line per avere i visti L1/L2), ci siamo fatti coraggio ed abbiamo cercato di prendere appuntamento per la famosa intervista al consolato americano di Parigi.

Prima però si deve pagare la bellezza di 190 euro a testa (nessuno sconto per la Princesse), la nostra famiglia si trova così allegerita di 570 € in un botto solo. La somma non è rimborsabile , quindi verificate tutto diecimila volte.

Il pagamento si può fare online. (E ci mancherebbe altro, dico io! Siamo nel 2016!).

Peccato che il sistema rifiuti per oscuri motivi le nostre cartes bleu visa francesi.

Gli americani sono furbi e non si fidano, sono fedeli al motto: pochi, maledetti e subito. Niente carte di credito. Solo carte di debito.

Purtroppo la nostra carta di debito di riserva era scaduta da una vita (io non l’avevo nemmeno mai usata).

Non vengono accettate nemmeno carte di debito legate ad un conto fuori dal paese in cui fate la richiesta.

L’alternativa è un bel virement bancaire (noi viviamo in Francia), un bonifico. Niente di tragico, in principio.

Peccato che tra una cosa e l’altra perderete una settimana prima che i vostri soldi arrivino sul conto del consolato:

  • 5 minuti per creare un nuovo beneficiario
  • 2/3 giorni perchè la banca verifichi l’identità del nuovo beneficiario
  • 3/4 giorni perchè l’ambasciata verifichi di avere ricevuto i soldi e vi mandi il link per fare la richiesta di appuntamento.

L’ambasciata americana è stata anche così gentile da informaci che dobbiamo sborsare 500$ aggiuntivi per il visa fraud prevention and detection fee, una specie di balzello che sembra inventato per spillarci ancora soldi.

Dopo tutte queste peripezie dovrete solo fare un clic sul fottuto link ed richiedere il sospirato appuntamento.

Sempre che non abbiate sbagliato qualcosa.

Sempre che non si siano dimenticati di dirvi qualcosa.

Sempre che non vi abbiano perso qualcosa.

Ps. attenzione gli errori costano cari. Una volta pagato non vi rimborsano nemmeno se schiattate.

modulo ds160 non immigrant

VISTO L1/L2: MODULO DS-160

Ci trasferiamo in America perchè Il Toscano viene trasferito (e sponsorizzato) dalla sua azienda da Parigi ad una graziosa cittadina sul lato americano del lago Ontario: Rochester NY.

I visti per gli USA sono ormai difficilissimi da ottenere, non fate la pazzia di partire con un visto turistico e pensare di trovare lavoro in loco o di lavorare in nero. Se vi beccano (e vi beccano) vi rispediscono in Italia a calci nel sedere. Dopodiché non vale invocare l’errore di gioventù, il fatto di essere stati in coma per 6 mesi o di aver perso la memoria dopo esservi mangiati un peyote intero. È finita. Non rimetterete mai più piede negli States.

Riassumendo: NO VISTO, NON PARTI.

Se la vostra azienda ha deciso di sponsorizzarvi nonostante la cosa gli costi un botto di soldi vi resta ancora un passo da fare: compilare il modulo DS-160 online e prendere appuntamento per la famosa intervista in Ambasciata per il rilascio del sudato L1.

Il link è questo, selezionate D-160 Non Immigrant Visa.

Adesso, datemi retta e fate quello che vi dico altrimenti smadonnerrete in turco per 3 giorni:

  1. Armatevi di carta e penna e prendete nota del vostro Applicant ID. Rispondete alla domanda di di sicurezza e segnatevi la risposta
  2. Ricordatevi di SALVARE  i dati alla fine di ogni sezione, potete farlo online o su un HD
  3. Se siete arrivati alla fine del modulo e non siete schiantati dal ridere di fronte alle domande assurde che vi pongono nella sezione finale (siete una prostituta e volete mettere in piedi un bordello illegale nel Nevada? Soffrite di allucinazioni e potreste sbroccare di brutto? Siete dei drogati all’ultimo stadio e rifornivate di droga mezza città?) vi aspetta ancora un’ultima prova: la foto. Le foto per i visti sono di un formato diverso da quello europeo. Le strade sono due: o ve le fate fare da un fotografo in formato americano o fate come noi e ve le fate a vicenda con un ipad. Vi mettete semplicemente contro un muro di colore neutro ed usa di te il tool questo link ufficiale per ridimensionarla con le giuste proporzioni (agli americani piacciono quadrate)
  4. . Se è ok, fate l’upload. Fregatevene se sembrate usciti da un film di zombie.

Se come nel gioco dell’oca siete arrivati alla casella finale non siate sparagnini: stampatevi copia del modulo e soprattutto della conferma.