I HAVE A DREAM

 

« I HAVE A DREAM THAT MY FOUR LITTLE CHILDREN WILL ONE DAY LIVE IN A NATION WHERE THEY WILL NOT BE JUDGED BY THE COLOR OF THEIR SKIN, BUT BY THE CONTENT OF THEIR CHARACTER. I HAVE  A DREAM TODAY! »

MARTIN LUTHER KING

Dopo l’ennesima barbara uccisione di un afroamericano inerme è ora di prendere atto che razzismo e segregazione sono ancora ben ancorati nella testa degli americani. Con questo non intendo minimamente giustificare quei tarati che oggi a Dallas hanno eliminato con precisione scientifica 5 poliziotti. Mi aspetterei un bel gesto forte, tipo Obama in testa ad una marcia pacifista di neri, latinos, immigrati e wasp (white anglo-saxons protestants), cattolici irlandesi, gay e poliziotti, ebrei, conservatori, comunisti e frichettoni.

Sogno di vederli tutti insieme contro questa scia di sangue che fa ripiombare il paese in un passato del quale ci si deve solo vergognare. L’America della white supremacy e delle croci del Ku Klux Klan. I fanatici che solo perchè hanno il colore della pelle rosa porcellino si sentono superiori (Poi sono dei debosciati che non sanno nemmeno fare lo spelling del loro nome e votano un cafone arricchito ed ignorante che ci fa rimpiangere la dinastia dei Bush).

Troppe uccisioni a sangue freddo di neri (smettiamola di fare giri inutili chiamandoli afroamericani o di colore. ESSERE NERO NON E’ UN INSULTO) da parte della polizia.

Esecuzioni ingiustificate e che, passato il clamore iniziale, rimangono spesso impunite.  Secondo Mapping Police violence nel 2015:

  • 346 neri sono stati uccisi dalla polizia
  • nel 97% dei casi nessun poliziotto è stato incriminato
  • per i neri, la probabilità di essere uccisi dalla polizia è di tre volte maggiore che per i bianchi
  • il 30% dei neri uccisi dalla polizia era disarmato

 

A me sa che è arrivato il momento di farsi un bell’esamino di coscienza prima che esploda una bella guerra razziale.

PS. Spero che quello con il riporto abbia il buon gusto di tacere. Non reggo le sue puttanate. I have a dream.